Arrivo
Partenza
Camere
Adulti
Bambini
Promo code

Le sfinci di San Giuseppe di tradizione siciliana

Sebbene non sia più da tempo un giorno festivo, pure la ricorrenza di San Giuseppe resta per molti siciliani una festa molto importante che, tradizionalmente, segna la fine dell’inverno. Il santo falegname è uno dei più venerati dai siciliani, e per questo gli sono dedicate molte celebrazioni. A Salemi (Trapani), ad esempio, vengono allestiti altari decorati con forme di pane, foglie, fiori e agrumi, mentre a Scicli (Ragusa) viene organizzata una processione della Sacra Famiglia seguite da diversi cavalli elegantemente bardati con fiori.
Naturalmente, la festa è anche l’occasione per mangiare una pietanza tipica, in questo caso un dolce, la sfincia. Si tratta di dolci fritti e ricoperti di crema di ricotta. In questi giorni si trovano facilmente in tutte le pasticcerie (se siete ospiti del nostro hotel potete rivolgervi alla reception per sapere dove trovarle) ma se non siete in Sicilia ecco la ricetta per farle in casa. Non è difficile!

Ricetta

per la crema di ricotta:

  • 1 kg di ricotta fresca
  • 500 gr di zucchero
  • Gocce di cioccolata fondente

per la sfincia:

  • 250 gr di farina
  • 250 ml di acqua
  • 50 gr di strutto
  • 5 uova
  • sale q.b.
  • bicarbonato q.b.
  • canditi
  • granella di pistacchio

Per prima cosa bisogna preparare la crema di ricotta (se la ricotta è molto fresca, come peraltro dovrebbe essere!, lasciatela prima a sgocciolare per qualche ora in un colino): con una frusta, lavorate un chilo di ricotta con mezzo chilo di zucchero (anche un po’ meno, se la preferite meno dolce). Lo scopo è ottenere una crema liscia, senza grumi. Non appena siete soddisfatti del risultato, aggiungete una grossa manciata di gocce di cioccolato fondente e mettete la crema in frigo per almeno un’ora. Prima di usarla, per renderla ancora più soffice, bisogna passarla al setaccio.

Nel frattempo preparate le sfinci: in una pentola, portate a bollore 250 ml di acqua con 50 g di strutto e un pizzico di sale. Versatevi 250 g di farina setacciata tutta in una volta e mescolate. L’impasto si rapprenderà e si staccherà dalle pareti della pentola. Togliete dal fuoco, trasferite il composto in una ciotola e lasciate raffreddare leggermente. A questo punto aggiungete, una alla volta, 5 uova. Ciascun uovo deve essere ben incorporato all’impasto prima di aggiungere il seguente. La consistenza finale deve essere cremosa ma non troppo liquida (eventualmente aggiungere o togliere un uovo). Per finire, aggiungete un pizzico di bicarbonato.

Le sfinci vanno fritte nelle strutto (in alternativa olio di semi) e attenzione, devono galleggiare, quindi non si deve usare una padella ma un tegame profondo. Prendete l’impasto a cucchiaiate e fatelo scivolare nello strutto caldo. Le sfinci si gonfiano, quindi non mettetene troppe. Sono pronte quando raggiungono un bel colore dorato. Scolatele e lasciatele raffreddare.
Infine ricoprite la superficie della sfinci con abbondante crema di ricotta. Decorate con canditi e granella di pistacchio.

Comments (0)