Arrivo
Partenza
Camere
Adulti
Bambini
Promo code

Musica e mare per le vostre vacanze

Inizia oggi il Calatafimi Segesta Festival, prestigioso appuntamento con la musica e il teatro di livello nella magica cornice del teatro antico di Segesta.

L’antico emiciclo di pietra per due mesi ospiterà splendidi spettacoli, offrendo un ulteriore intrattenimento ai visitatori della zona. L’area archeologica di Segesta (ne abbiamo scritto qui) non è distante dal nostro albergo ed è comodamente collegata dall’autostrada per Trapani. Chi volesse andare già questa sera avrà l’opportunità di assistere alla rappresentazione del Sogno di una notte di mezza estate, capolavoro di Felix Mendelssohn-Bartholdy, ispirato dall’omonima commedia di Shakespeare ed eseguito dall’Orchestra del Conservatorio Musicale di Trapani “A. Scontrino” (ore 19,15).

By Spencer Means: https://www.flickr.com/photos/hunky_punk/8103144133
By Spencer Means: https://www.flickr.com/photos/hunky_punk/8103144133

Domani, alla stessa ora, sempre nel solco della celebrazione dei 400 anni della morte di William Shakespeare, va in scena Shakespeare on love, Amore e Musica nella Cultura dell’Età Elisabettiana, un ideale viaggio emotivo attraverso la vicenda e la psicologia amorose attraverso testi di Shakespeare, songs di J. Dowland, Th. Morley e altri, musiche strumentali di W. Byrd (a cura dell’Associazione Amici Della Musica di Cefalù “Salvatore Cicero”).

Domenica lo spettacolo è dedicato agli amanti della musica barocca: l’Istituto Superiore di Studi Musicali “A. Toscanini” di Ribera eseguirà un concerto barocco per coro, solisti e orchestra da camera accompagnato dalle danze dello “Studio di Danza” di Marisa Benassai di Palermo. Il programma completo si può consultare sul sito dedicato alla manifestazione, dove ci sono anche tutte le indicazioni per l’acquisto dei biglietti, eventualmente anche in abbonamento.

Chi raggiunge Segesta per assistere agli spettacoli, deve assolutamente approfittarne non solo per ammirare il tempio dorico che ne è il monumento più imponente, ma anche per andare al mare. La zona costiera poco lontano da Segesta, infatti, offre delle vere e proprie “perle”. Qui si trova, ad esempio, la riserva dello Zingaro, la prima istituita in Sicilia (1981). Bisogna camminare un po’ per raggiungere le calette che intagliano la costa rocciosa ma ne vale la pena, visto che, proprio grazie ai vincoli ambientali, questa costa è integra e pulita. La piccole spiagge (le più pittoresche Cala Beretta, Cala Marinella, Cala Varo e Punta della Capreria) sono sassose (indispensabili le scarpette di gomma) il fondale digrada velocemente e si può esplorare con maschera e boccaglio. La direzione della riserva organizza attività di vario genere: il 2 e 3 luglio, in particolare, si terrà un corso di intreccio (informazioni www.riservazingaro.it).

Al limitare della riserva si può fare il bagno nei pressi della tonnara di Scopello, un complesso molto suggestivo e sostanzialmente intatto, oggi in disarmo. L’acqua è di un colore blu profondissimo e su di essa si stagliano possenti faraglioni modellati da acqua e vento. La piccola cala è ideale per bagni e snorkelling.

Ci sono diverse spiagge anche nei pressi di Castellammare del Golfo, una graziosa cittadina che sorse, originariamente, come porto di Segesta. Chi preferisce la sabbia può raggiungere la Plaja. Sono un misto di piccoli ciotoli e sabbia le spiagge di Marina Grande, Petrolo e Guidaloca.

Comments (0)